Loading...

Le "delizie" di Puglia e Basilicata

€ 870

1° Giorno: FORLÌ – LAGHI DI MONTICCHIO - RIPACANDIDA - POTENZA: Ritrovo dei signori partecipanti alle ore 6.00 a Forlì (Punto Bus) e partenza in pullman per i Laghi di Monticchio e visita dell'Abbazia di San Michele Arcangelosituata in posisizione dominante i due laghi di origine vulcanica. Pranzo in ristorante e proseguimento per la visita alla Chiesetta di San Donato di Ripacandida per ammirare la Bibia dei poveri : le campate ogivali ricoperte di affreschi raccontano attraverso le immagini le storie tratte dal Vecchio e Nuovo Testamento Proseguimento per l'hotel, sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento.

2° Giorno: DOLOMITI LUCANE - PIETRAPERTOSA - CASTELMEZZANO: Dopo la prima colazione, partenza in pullman per l'escursione che ci porterà alla scoperta dei borghi più belli d'Italia incastonati tra le Dolomiti Lucane. Arrivo all'antico borgo saraceno di Pietrapertosa, dominato dalla fortezza saracena - normanna. Possibilità (per chi ha piacere) di fare un percorso a piedi di trekking di 2 Km., percorrendo il percorso letterario delle sette pietre che racconta la vita di Vito il contadino vittima di un incantesimo d'amore. Si impiegheranno circa due ore per raggiungere a piedi Castelmezzano. Pranzo in agriturismo e nel pomeriggio visita di Castelmezzano e del suo borgo storico. Arrivo in hotel, sistemazione nelle camere, cena ed il pernottamento.

3° Giorno: MATERA: Dopo la prima colazione incontro con la guida e intera giornata dedicata alla visita della città dei Sassi. In mattinata trasferimento al belvedere: in pozizione panoramica sarà possibile ammirare la bellezza e la suggestione del Sasso Barisano e del Sasso Caveoso e comprendere in parte anche la storia e l'isolamento che la città ha vissunto fino agli settanta. Passeggiata tra le grotte per ammirare le famose chiese rupestri. Pranzo inristorante e nel pomeriggio visita del centro storico della città passeggiando tra le suggestive stradine sulle quali si affacciano le antiche abitazioni, ovvero i Sassi, oggi completamente ristrutturati. Rientro in hotel per la cena e pernottamento ed il penottamento.

4° Giorno: ACERENZA - PALMETI DI PIETRAGALLA - MELFI: Dopo la prima colazione partenza in pullman per Acerenza per la visita della sua cattedrale normanna in stile cluniacense. Continuazione delle visite a Pietragalla per la visita del parco urbano dei palmeti di Pietragalla: antiche cantine scavate nella roccia e utilizzate fino a 50 anni fa per vinificare. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita di Melfi con la cattedrale, il castello ed il museo ed anche la chiesa rupestre di Santa Margherita con affreschi del XIII° secolo all'interno della quale si potrà ammirare una rara immagine raffigurante l'imperatore Federico II di Svevia. . Al termine delle visite, arrivo in hotel sistemazione in hotel nelle camere riservate, cena e pernottamento.

5° Giorno: TROIA - MONTE SANT'ANGELO - ABBAZIA DI SAN LEONARO: Dopo la prima colazione partenza in pullman per Troia e visita della cattedrale con un meraviglioso rosone in pietra, tanto da sembrare un merletto. Proseguimento per Monte Sant'Angelo attraversando la meravigliosa Foresta Umbra, sosta per la visita alla Abbazia di San Leonaro. Pranzo in ristorante e nel pomeriggio visita libera di Monte Sant'Angelo. Al termine delle visite, Rientro in hotel per la cena ed il pernottamento.

6° Giorno: ASCOLI SATRIANO - FORLI': Dopo la prima colazione partenza in pullman partenza Ascoli Satriano dove l’Impero Romano rivive nelle testimonianze archeologiche. Ascoli Satriano, cittadina ricca di storia distesa su una triplice altura, a poco meno di 30 km da Foggia, Ascoli Satriano è situata su tre colline, Pompei, Castello e Serpente, sulla valle del fiume Carapelle, ai piedi del Subappennino Dauno. È un vero e proprio museo a cielo aperto il Parco Archeologico dei Dauni, che si estende lungo i dolci pendii della Collina del Serpente, con importanti reperti e tracce del ricco passato del paese. La famosa battaglia di Ascoli, dove nel 279 a.C. combatterono i Romani e l’esercito di Pirro, prende il nome da questa cittadina. Il centro storico è un susseguirsi di case antiche, botteghe, bassi e palazzi signorili e si estende in un caratteristico labirinto di vicoli, che confluisce nelle piazzette risalenti al periodo feudale.Si passeggia con il naso all’insù per ammirare i dettagli delle affascinanti architetture religiose, come la Cattedrale in stile romano-gotico, la Chiesa di San Giovanni Battista del XII secolo, tra le più antiche, e la chiesa matrice dedicata al patrono, San Potito Martire. Da non perdere, infine, il Polo Museale costituito dal museo archeologico e dal museo diocesano. Il complesso museale di Ascoli Satriano è uno scrigno di preziosi manufatti archeologici, come i Grifoni in marmo policromo, cui si aggiungono il Museo diocesano e una ricca collezione numismatica.Il Polo museale di Ascoli Satriano si trova nel complesso monumentale di Santa Maria del Popolo, costituito dalla chiesa e dal monastero. Ospita il Museo civico “Pasquale Rosario” al piano terra e il museo diocesano, al primo piano. Quest'ultimo ospita anche la mostra permanente "Policromie del Sublime": raccolta di marmi policromi di era dauna, di cui fa parte il Thapezophoros dei Grifoni. Il percorso inizia dal museo civico, dove si ammirano numerosi reperti tra i quali una statua di marmo raffigurante un bambino cacciatore (II secolo d.C.), rinvenuta durante gli scavi in località Faragola, e un piatto di pregevole fattura trovato nella tomba del Guerriero sulla collina del Serpente. Notevole è la sezione intitolata "Lo Spreco necessario", dedicata al lusso in cui vivevano le donne daune che comprende reperti rivenuti nelle tombe del Parco Archeologico dei Dauni e consistenti in Frammenti di gioelli in oro, argento e bronzo, coppe di vetro per profumi e balsami, anfore e vasi in ceramica decorata. Il percorso prosegue al primo piano con la galleria dei ritratti dei Vescovi: la quadreria, disposta in varie sale, comprende tele del XVIII secolo raffiguranti la Vergine, Santi Gesuiti e Maria Maddalena provenienti da Cerignola e Ortanova. Di particolare pregio è la “Madonna con il Bambino in trono” proveniente da Cerignola, databile tra il XIII e il XIV secolo e un "Ecce Homo" di Luca Giordano. Ricca è la collezione di suppellettili sacre in argento, come quella di paramenti sacri in seta ricamati con fili d’oro. Pranzo in ristorante in corso di visita. Proseguimento per il viaggio di ritorno con arrivo in serata.

LA QUOTA COMPRENDE: 

  • Viaggio in pullman G.T.
  • Sistemazione in hotel 4* in camere doppie con servizi privati.
  • Trattamento di pensione completa dal pranzo del primo giorno al pranzo dell’ultimo giorno.
  • Bevande ai pasti.
  • Escursioni come da programma.
  • Visite guidate come da programma.
  • Accompagnatore da Forlì.
  • Assicurazione medico-bagaglio.

LA QUOTA NON COMPRENDE: 

  • Tassa di soggiorno (da pagare in loco).
  • Supplemento singola.
  • Eventuali entrate turistiche.
  • Auricolari.
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.

 

  • non confermato
  • posti disponibili
WhatsApp